Commercialisti: Migliorare la strategia dello studio

E’ curioso notare come la maggior parte degli studi commerciali italiani sia priva di una strategia consapevole. L’unica strategia che molti studi hanno seguito è quella di accontentare i clienti che via via si presentavano. Avere una strategia significa porsi nei confronti del mercato in modo proattivo, perseguendo un target specifico di clientela ed erogando prestazioni professionali capaci di soddisfarne le esigenze. Avere una strategia significa aver progettato un’identità, aver stabilito una direzione, aver definito un obiettivo da raggiungere. Avere una strategia significa avere un’idea chiara delle azioni e delle risorse necessarie per definire la propria identità. Per elaborare una strategia occorre conoscere sé stessi rispetto al mercato nel quale si vuole competere e avare un set di principi e valori ai quali fare riferimento nel corso del proprio agire.

 

Checkup

checkupI titolari di uno studio avevano da tempo la sensazione che ci fossero alcune cose potevano essere migliorate ma non avevano chiaro da dove avesse senso cominciare e quale tipo di investimento fosse davvero necessario. Con un breve check up complessivo dello studio effettuato mediante interviste al personale chiave ed esame dei dati quantitativi ed economici disponibili abbiamo tra l’altro rilevato che, nonostante la rilevante dimensione dello studio, mancavano efficaci deleghe specifiche ai soci nella gestione di singoli settori, come l’organizzazione, la gestione del personale,  il marketing e il controllo di gestione dello studio. Abbiamo quindi fornito una panoramica degli interventi necessari, specificandone l’ordine di  priorità. Oggi lo studio ha avviato un percorso di cambiamento improntato sul principio delle delega e su una maggiore responsabilizzazione delle persone.

Modalità d'intervento

Approfondimenti

Il nostro check up è un intervento breve finalizzato a mettere in evidenza i punti di forza e di debolezza dello studio, eventualmente anche  in riferimento a specifiche aree come l’organizzazione o il marketing, e a fornire una prima indicazione per fare fronte alle criticità emerse o potenziare gli aspetti positivi individuati.

Lo Studiometro, il nuovo passatempo dell’estate, di Michele D’Agnolo, ECNews, Edizione di lunedì 13 luglio 2015

 

Definire la mission e la vision dello studio

strategia-studio-commercialisti-visionIl dott. Mario Rossi sapeva di poter contare su un team di persone professionalmente e umanamente  molto valide ma si rendeva conto che ciascuno tendeva a portare la sua attività verso una propria personale direzione. Il suo timore era che i clienti potessero percepire questa assenza di comunione di intenti. Con un breve intervento abbiamo definito e condiviso con il titolare e tutti i collaboratori, dipendenti e praticanti i principi etici e i valori che dovevano ispirare le condotte e comportamenti di tutti coloro che operavano all’interno e per conto dello Studio.
Oggi le persone si sentono parte di una squadra e lavorano in un’ottica di condivisione dei medesimi obiettivi. I problemi sono più facili da risolvere quando si tiene conto del set valoriale dello studio, che offre continua fonte di ispirazione per prendere le  decisioni più appropriate.

Modalità d'intervento

Approfondimenti

Il nostro intervento consiste nell’assistere lo studio nella definizione di un Codice Etico in cui rappresentare la vision, la mission e i valori dello studio al fine di impostare una precisa cultura di studio quale presupposto necessario per la formazione di una squadra coesa.

  • Il grande valore dei valori, di Michele D’Agnolo, EC News del 19 gennaio 2015
  • Questione di cultura, di Michele D’Agnolo, Ec News del 13 aprile 2015